Che mi sta prendendo?

Mille idee per la testa

Eppure mi trovo a fare sempre le solite cose.
Di possibilità ne ho, anche tante, ma non riesco a lasciarmi andare.
Prima davo la colpa al lavoro, ora che sono riuscito a rallentare i ritmi almeno un po’ do la colpa allo studio, e poi, cosa ci sarà?
In parte è che ne vorrei fare troppe tutte insieme, non riesco a dare una priorità alle cose.

Diciamo che queste sono quelle che ritengo le più importanti:

  • La TESI della specialistica, bestia vile che mi perseguita da ormai troppo tempo e di cui non riesco a liberarmi;
  • RTW, ho scoperto ora che esiste questa possibilità, lo voglio fare finché posso;
  • Uscire, prendere Aria, vedere i posti dove sono di volta in volta;
  • Imparare ad andare un po’ sul surf, visto che sono in uno dei posti che ne è la patria;
  • Sistemare le foto che ho fatto di volta in volta (penso siano circa un migliaio quelle che devo rivedere);
  • Imparare una nuova lingua, non sopporto di non riuscire a comunicare con le persone.

Insomma, di cose da fare ne avrei.
Da dove partire? E soprattutto come fare a non distrarsi, a non pensare ad altro?

Annunci

~ di Ramingo su 10 maggio 2012.

4 Risposte to “Che mi sta prendendo?”

  1. quando ero piccola e avevo troppi “compiti” da fare e nessuna voglia di farli, mia madre mi diceva “parti da uno e poi vai avanti man mano”.
    scrivendo l elenco probabilmente hai dato un ordine inconsapevole di importanza, quindi parti dal primo e vai avanti… potrebbe essere un idea.
    posso farti una domanda? perché non dovresti pensare ad altro? certe cose si possono fare pure in contemporanea, o no?

    • Ciao Sys. Intanto benvenuta da queste parti.
      È vero, indubbiamente ho dato una priorità, un ordine, a quello che vorrei fare, quello che vorrei portare a termine. E, quasi sicuramente è quello che ho seguito anche qui sopra.
      Non dico che non dovrei pensare ad altro, ma, come saggiamente consigliava tua madre, dovrei partire da qualcosa.
      Ultimamente un po’ per pigrizia, un po’ per distrazione, ne inizio una, poi dopo poco devo cambiare, passare ad altro. Non riesco a stare fermo su una cosa sola. E questa mia incapacità si traduce nel non riuscire a portare a termine niente. E la cosa ora inizia a spaventarmi, o meglio, a stancarmi, un po’.

      • sai che c è?
        che c ho lo stesso problema. nel senso che inizio parto in quarta e poi… e poi mi areno.
        è come se l entusiasmo si vaporizzasse, e la cosa terribile è che trovo anche delle “scuse” plausibili per restare paciosamente arenata…
        e se l insoddisfazione (perché forse di questo si tratta), avesse altre origini che non sono il procrastinare?

        ah … mo che ho aggiunto carne al fuoco ti senti meglio eh 😉
        grazie dell accoglienza!

      • non c’è che dire, mi hai dato di che pensare ;).
        È vero che l’insoddisfazione mi viene non tanto dal rimandare, ma proprio dal non riuscire a vedere la fine in quello che voglio portare a termine.
        Per ogni passo che faccio mi sembra che il percorso che ancora devo fare si allunghi di due. All’inizio può essere stimolante, ma alla lunga stanca…ed è più o meno così che mi sento ora, nonostante le mille maschere che mi sforzo di portare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: